La Cri-Cri, una storia d’amore e di dolcezza.

Praline… o caramelle? Il meglio dei due mondi, diremo. Un’anima di nocciola tostata avvolta nel cioccolato fondente, ricoperto a sua volta da mompariglia bianca (le perline di zucchero che cricchiano sotto i denti!). Questi sono, da sempre, le Cri-Cri. Una presenza non più solo natalizia, con i loro incarti “a caramella” che mettono allegria e la magia del cioccolato che non si scioglie sulle dita, grazie al rivestimento di zucchero. Una golosità tutta torinese che esiste da più di un secolo, legata ad una storia romanticissima.

La storia di un dolce, la storia di una città

Siamo ai primi del Novecento, naturalmente a Torino, città di sartine e studentini. La nostra protagonista è una dolce Cristina… detta Cri. Il suo innamorato le porta sempre delle praline ricoperte di granelli di zucchero: una specialità della pasticceria in cui l’ha incontrata e in cui ormai tutti li conoscono. Quando entra per acquistarle, la commessa lo guarda e chiede “Cri?”, e “Cri!” risponde lui.
E così il pasticciere decide di chiamare le sue praline-caramelle, in onore dell’amore che ha visto nascere e nutrito di dolcezza.

Questo il romanzo della nascita delle Cri-Cri, ma la vicenda continua, giungendo a varcare la soglia del nostro millennio, portando con sé un bagaglio di storia: quella personale, fatta di alterne fortune, quella delle tante persone che ha allietato prima di noi, ma anche quella con la “S” maiuscola del secolo appena trascorso. Così, oggi, se mentre la gustiamo proviamo a chiudere gli occhi, possiamo sentire l’intenso e caldo sapore della nostra cultura e della nostra tradizione.

Noi abbiamo fatto della Cri-cri il nostro fiore all'occhiello.

Piemont Cioccolato - dal 1948
il cioccolato a Torino

P.IVA 01681090013

Via Gran Paradiso, 16/23 – 10156 Torino (TO)

Tel: +39 011.273 24 41 / +39 011.273 24 29

Seguici sui social